Pagine

martedì 8 gennaio 2013

Ernia del Disco e Sciatalgia





Gentilissima Signora o Signorina Anna,
ho avuto notizia della Sua guarigione e sono molto contento per Lei. Adesso tocca a me fare i conti con l'ernia del disco ma la cosa che mi fa imbestialire di più è che nessuno mi vuole curare, hanno tutti paura di me così io peggioro! Almeno mi dicessero cos'è l'ernia del disco...
Lei che ci è passata sarebbe così gentile da spiegarmi come si sopravvive a tale calamità
Grazie per la cortese attenzione.
                                                incredible@hulk.ahi







Sconsolato Sig. Hulk,
tra una vertebra e l'altra della nostra colonna ci sono dei dischi che fungono da ammortizzatori.
I dischi sono cuscinetti fibrosi che potrebbero essere paragonati a piccoli cuscini di gommapiuma. Con l'andare del tempo la gommapiuma si può appiattire, espandere, perdere elasticità, fino a quando compaiono delle crepe qua e là.
Al centro dei nostri dischi veri e propri vi è un nucleo gelatinoso e se all'interno della gommapiuma si è formata una grossa crepa, può capitare che un po' di nucleo si insinui all'interno di essa e si raccolga in un determinato punto del disco. La sostanza gelatinosa può attraversare tutto il disco ed uscire al di fuori del suo perimetro (ernia espulsa), oppure si può fermare a bordo campo formando un bel bubbone (ernia contenuta).
Esempio schematico di ernia del disco e blocco antalgico

In una colonna ci possono essere più ernie assolutamente silenti ed innocue mentre in altre ce ne può essere "solo" una ma straziante. Ne basta una a rovinare la vita e a volte si forma negli spazi intervertebrali L5-S1 (L= Lombare, S= Sacrale) ed L4-L5, a contatto con le radici del nervo sciatico. Sono invece meno comuni le ernie in L3-L4.
Quando la formazione erniale comprime la radice di un nervo spinale congiunta al nervo sciatico, inevitabilmente va a finire in sciatalgia.
Le algie causate dall'ernia in questione sono di due tipi: quelle che durano 3 settimane e quelle che durano 3 mesi. A me è capitata quest'ultima, la peggiore, ma ho conosciuto un carpentiere che se l'è portata dietro 6 mesi!
(Vedi anche: Ernia del Disco e Sciatalgia un anno dopo dell'8 luglio 2012 in questo blog)
Per individuare una o più ernie è necessario effettuare la TAC (Tomografia Assiale Computerizzata) o la  Risonanza Magnetica Nucleare (RMN).
Meglio la prima o la seconda? Ogni medico ha la sua scuola di pensiero, e siamo solo all'inizio dell'avventura!

Il 90% delle ernie discali non richiede intervento chirurgico poichè si è capito che le ernie espulse prima o poi si seccano da sole (giacchè perdono il contatto col nucleo), e le ernie contenute si riducono quel tanto da permettere una convivenza con gli elementi di confine (nervi, midollo o cauda equina, legamenti). La riduzione dell'ernia o la sua scomparsa non avviene mai in tempi brevi, sarebbe quindi meglio non interferire con terapie velocizzanti che non esistono. Sono invece necessari: assoluto riposo nella fase  acuta dell'infiammazione, stare al caldo, farmaci adeguati e le coccole di chi ti vuole bene.
In merito ai farmaci, il soggetto tribolatore deve individuare quello più adatto alla suo "essere".
Ci sono persone che sono state guarite dalla comune Aspirina ed altre che devono la salvezza al cortisone.
I farmaci più comuni che si assumono in caso di forte sciatalgia sono i seguenti:
- Lansoprazolo: salvastomaco e inibitore della pompa protonica, serve ricetta medica;
- Aspirina (acido acetilsalicilico): FANS antiinfiammatorio, antidolorifico e antipiretico, senza ricetta;
- Moment e Brufen (ibuprofene): FANS antiinfiammatorio, antidolorifico e antipiretico, Moment senza ricetta, Brufen ricetta ripetibile;
- Ketoprofene e Okitask(sali di lisina): FANS antiinfiammatori e antidolorific, senza ricetta;
- Bentelan: antiinfiammatorio cortisonico quindi NON FANS, serve ricetta;
- Tachipirina (paracetamolo): FANS antidolorifico, senza ricetta;
- Tachidol (paracetamolo + codeina): FANS antidolorifico, serve ricetta;
- Contramal: FANS oppioide antidolorifico, serve ricetta;
- Muscoril: antiinfiammatorio decontratturante, serve ricetta;
- Voltaren (diclofenac): FANS antiinfiammatorio, serve ricetta;
- Lyrica (pregabalin): controllore del dolore neuropatico periferico e centrale, serve ricetta;
- Lassativi: noi sappiamo il perchè! Senza ricetta.
Io li ho provati quasi tutti ma l'unico farmaco che mi ha aiutato a superare la fase acuta è stato Tachipirina 1000, che non è neanche un antiinfiammatorio ma "solo" antidolorifico (analgesico). Eppure per me è stato risolutivo, parola di fan. Dunque ogni persona deve trovare il SUO. Per esempio il Contramal è stato di grandissimo aiuto ad un mio amico anch'egli vittima della L5-S1, invece su di me Contramal ha avuto effetti discutibili: giorni e giorni di nausea. Oltretutto in quel periodo ero vittima di crampi devastanti lungo tutta la gamba e metà schiena, quindi ho attribuito a Contramal la colpa di ciò. Ho poi capito che quella dei crampi era una fase naturale della lombosciatalgia e ho assolto il farmaco. 
Le ernie Lombari possono colpire sia il nervo sciatico della gamba destra che quello della sinistra. Rarissimamente entrambe gli arti contemporaneamente.
La compressione di una radice spinale "sciaticosa" si fa sentire con fitte, crampi, scosse, formicolii, bruciore intenso e dolore straziante sulla colonna lombo-sacrale, nonchè lungo la gamba interessata fino alla punta del piede che può diventare gelido. E' come avere un terzo del corpo martoriato.
(Vedi anche: Ernia del Disco e Sciatalgia un anno dopo dell'8 luglio 2012 in questo blog).

Come accennato, l'intervento chirurgico viene praticato solo nel 10% dei casi, e nello specifico "solo" quando l'arto interessato diventa debole (non si riesce a camminare sulla punte dei piedi) ed il soggetto accusa problemi di incontinenza. 
Questi sintomi indicano che l'ernia è grande e sta danneggiando gravemente il nervo sciatico quindi è indispensabile asportarla.
Nei casi di ernia piccola è sufficiente assumere farmaci adeguati ed attendere che la disgraziata si sgonfi da sola. Prima o poi succederà.
Detto ciò, chiunque di noi può contattare lo Studio di un Neurochirurgo e fare il punto della situazione da privatista. Ci sono dottori che intervengono chirurgicamente anche se non vi sono rischi di "neuroparassia" e "assonotmesi" ( es. piede cadente), quindi ANCHE IL PAZIENTE PUO' DECIDERE, non solo il medico.
Svolgendo una ricerca anche telematica è possibile trovare in ogni grande città,  Centri, Studi e Cliniche "favorevoli alla "sistemazione dell'ernia", ma ovviamente ogni caso è un caso a se'. Vi sono fior di dottori  all'avanguardia che preferiscono intervenire presto e bene piuttosto che imbottire di farmaci un paziente che ne avrà per mesi e mesi.  E non è detto che si debbano spendere cifre da capogiro.

Caro Incredibile Signor Hulk,
Forse fin qui ti ho scritto cose che già sapevi, comunque ricordati che per soffrire meno è indispensabile individuare velocemente il farmaco più efficace e tollerabile per se stessi (non è vero che si guarisce solo con il cortisone!). Chiedere sempre l'opinione del medico e leggere le istruzioni d'uso dei farmaci.
Inoltre ti rivelo alcune strategie di supporto alle terapie che ti hanno prescritto i dottori.
- E' inutile assumere una dose di medicina per avere la forza di lavare i pavimenti! Mettersi in moto subito dopo il farmaco vuol dire contrastare la sua efficacia, obbligare il nostro corpo a rifiutare un beneficio. Doppio danno.  E' necessario riposare almeno un'ora. 
- Dormire è molto importante perchè durante il sonno il nostro organismo si rigenera ed il farmaco che abbiamo assunto prima di coricarci raddoppia il suo effetto. 
Se la sciatalgia impedisce di dormire, chiedere al medico di base un po' di Tavor, Lexotan o compagnia bella.
- A volte le iniezioni non producono gli effetti desiderati solo perchè l'ago non raggiunge il muscolo; cercare una zona più sicura e con meno tessuto adiposo. Sicura in tutti i sensi.
- I farmaci vanno assunti con molta acqua e a stomaco pieno. Granulati, gocce, pasticche e pastiglie effervescenti, vanno suddivisi a metà e ogni mezza dose va accompagnata ad un bicchiere d'acqua. Qualunque sia il dosaggio del farmaco. In questo modo si eviteranno pugni nello stomaco, sbalzi di pressione, aritmie, tachicardie, capogiri, nausea e ronzii nelle orecchie.
- Nell'acqua tiepida i farmaci si sciolgono moltissimo meglio.
- NON assumere antiinfiammatori privi di cortisone (FANS) mentre si stanno assumendo antiinfiammatori al cortisone. O l'uno o l'altro.
- Chiedere sempre al proprio medico di base quali e quanti farmaci si possono assumere nell'arco di una giornata.
Per finire caro Hulk, ti consiglio vivamente di non appenderti a testa in giù per decongestionare lo schiacciamento. Molti uomini lo fanno e se ne vantano ma tu che sei nella fase acuta dell'infiammazione non ci devi nemmeno pensare, sennò diventi viola!


xxx

58 commenti:

  1. Sulle epidurali è vero che c'é molta ignoranza. Non mettono però solo cortisone assolutamente no. Possono metterci qualsiasi farmaco che credono opportuno. Per le ernie cortisone e anestetici locali. Comunque in quantità decine di volte inferiori rispetto ad una terapia per bocca o per vena.

    RispondiElimina
  2. Cara Debbi, spero tu veda questo post. Oggi ho preso contatti con la clinica Nency di Roma. Il direttore e' il prof Nardi. Lui utilizza staminali da anni per la rigenerazione discale. Io non mollo la vedo l unica soluzione davvero risolutiva. Ho chiamato e mi hanno confermato che le utilizzano in convenzione. Gli ho
    Anche scritto se mi risponderà ti aggiorno. Mai
    Mollare! Siamo troppo giovani ed abbiamo un problema troppo "banale" perché non ci siano soluzioni! Coraggio vedrai che tutti ne usciremo! Bacione! Ps Anna, ma tu alla fine ora, come stai?????? Grazie infinite x l ospitalità che ci dai nel tuo blog!

    RispondiElimina
  3. Buondi`, qui avete tutto lo spazio che volete.
    Io sto molto bene. L'ernia L5S1 mi aveva causato una terribile lombosciatalgia guarita benissimo dopo tanti mesi. Anno successivo L4L5, che trovandosi proprio sulla curva, mi ha deformato tutto il girovita. Per fortuna era solo sciatslgia, solo 3 mesi di calvari, oggi sto bene. Ma ho capito che dentro di me ci sono due cervelli e se solo quslcuno mi fa arrabbiare tantissimo i miei dischi si ri infiammano indipendentemente dalla mia volonta`. Quindi cerco di evitare situazioni critiche, poi evito di incurvare la schiena, anzi sto sempre ingessata e mi ingozzo di frutta fresca oltre la mia santa vitamina C.

    Grazie ragazze per le utili informazioni, grazie anche a Lucio Luciano.

    RispondiElimina
  4. Ciao a tutti! Anna si, è vero, il nostro corpo è maledettamente intelligente, ed il blocco antalgico è una malbenezione ma meglio non averlo. A proposito di "stiramenti" e allungamenti, me lo sono sentita dire spesso. proprio per distanziare le vertebre fra loro (le mie sono come il ferro e la calamita).
    Quello che volevo chiedere è innanzitutto se protrusioni o bulging diffusi, come nel mio caso, possano davvero dare dolore e limitazione Q U O T I D I A N I, e poi domandone da mille milioni di dollari. Ovvero: se una protrusione può far male senza essere ernia, può alla lunga "limare e corrodere" il nervo?
    Ho ritirato gli esiti di Rx e Rmn. dalla prima si evince un processo artrosico e di ossificazione (olè). dalla seconda diverse ernie intraspongiose, bulging in l5-s1, degenerazione da l1 a l3 e udite udite...la protrusione nel disco operato, da che era solo a dx adesso è ad ampio raggio, mediana e bilaterale.
    sono fottuta. passatemi il termine. che si fa? nuoto, pilates, mi appendo a testa in giù,... sono stanca di star ferma e non avere una vita. Popolo dell'ernia unitevi e datemi riscontri!!!

    RispondiElimina
  5. Ah cmq anche x me glucosam una ecc sono ottimi rimedi! Peccato che non tolleri il magnesio anche quello e' buono io se non lo prendo lo sento subito!

    RispondiElimina
  6. Fatta visita! Felicissima! Persona entusiasta giovane anagraficamente e di spirito empatica rassicurante! Confermo a pieno le impressioni di Gianni! Debbi sono i soldi che piu ho speso volentieri credimi! Non metto in discussione la bravura di tanti altri medici ma io oltre a quello cerco anche una persona che "sento" e che mi dia fiducia ! Mi ha capita e mi fido di ciò che mi ha detto! Cagliari e' fantastica ed anche la gente! Ho trovato solo cordialità e gentilezza! Pensate, l' alloggiatore da cui ho trascorso la notte mi ha pure portata in ospedale sta mattina ed il primo B& B che ho contattato non aveva posto ma si sn. Preoccupati loro di trovarmene un altro mi hanno aspettata fino a mezzanotte e mi ci hanno accompagnata!

    RispondiElimina
  7. Per Ila: son contenta che sia andato tutto bene.
    Per Debby: ma tu fai camminate con sciatalgia in corso? E gia che non guarisci...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao a tutti... Come si fa a stare seduti...... Io sto impazzendo... Poco fa sono svenuta per il dolore... Per stare solo 5 minuti.. Il tempo che mio marito faceva il letto.... Sarà il contramal?

      Elimina
    2. Mia mamma è nella stessa situazione. Da 20 giorni è bloccata a letto dal dolore. Bloccata nel vero senso della parola:non sta in piedi. Va in bagno con il carrello è sembra una tossica in crisi di astinenza tanto che trema (penso sia dovuto al contramal). I dolori si allievano un poco con il toradol ma può farlo ancora per un paio di giorni e poi deve sospenderlo. Mercoledì farà la rm. Già nel 2011 venne operata ad un ernia l5 l4 che aveva avuto la brillante idea di appiccicati ai nervi. Vederla così sofferente è straziante. Finirà?

      Elimina
  8. Debbi!!!!! Che bello risentirti!!!!! :))) io sn qui felicissima di aver trovato Pinna di cui mi fido ma cmq piena di mille dubbi sull intervento!!!! E se va male? E se sto ancora peggio? Pero alla fine cs Nn si può troppo male troppi farmaci alla fine Nn ho dubbi sulla sue capacita e se poi l ernia torna be' almeno avrò avuto un po' di tempo in cui sono stata meglio. Da ciò che tt mi dicono da sola Nn se ne andrà! Voi che mi dite????? Debbi non sparire piu' mi raccomando!!!!!!

    RispondiElimina
  9. Eccoci qui con nuovi entusiasmanti aggiornamenti!
    Fisiatra : anche se la sua idea rimane quella delle aderenze mi ha telefonato per chiedermi i dischetti delle risonanze perché vuole andare a fondo, confrontarle con un collega di neuroradiologia e vedere se le sta sfuggendo qualcosa. molto apprezzabile da parte sua. presi i dischetti e portati. ci sentiremo.
    andata oggi dal neurochirurgo che mi ha operata. anche lui dice che non c'è niente di particolare. certo è che tutti i dischi lombari sono degenerati, la protrusione in quello operato è "spanciata", bulging in l5-s1 ma niente di che. anche lui opta per infiltrazioni paravertebrali ma...dice prima di concedermi sedute costanti di fisioterapia, è molto importante allungare dolcemente con della ginnastica adatta, trazione, e se possibile nuoto. detto ciò se la algia non regredisce si passa alla tp del dolore. ma sempre paravertebrale e non discale in termini di infiltrazione.
    lui, che mi conosce bene ormai, e conosce l amia emotività e come sto psicologicamente adesso, mi ha anche fatto un discorso riferito al fatto che GIUSTIFICATAMENTE ho ormai tutte le sfaccettature del dolore incanalate nel mio cervello. stronzo direte voi, io so che ha ragione. l'emotività. l'ansia ecc giocano un ruolo importante nel dolore, oltre al fatto che non è il primo che me lo dice, me lo ripete sempre anche il fisioterapista e in un modo più delicato la fisiatra l'altro giorno. Bene, come scritto l'altro giorno raccolgo idee e forze e ri-comincio un percorso sperando di avere la forza e la costanza di portarlo a termine.
    Ma tu , Ila, quindi adesso che devi fare?
    E tu, Anna, hai deciso di tacere per sempre? :D

    RispondiElimina
  10. Ciao Anna, eccomi anche qui, a portare la mia testimonianza. La mia storia la sapete, dopo 14 MESI DI SOFFERENZE varie, cure, cure e cure... Adesso riesco a camminare, sono andata in vacanza e soprattutto sono riuscita a tornare a lavorare :-) , MA ! Sopra ogni cosa, non ho più quel dolore fisso e invalidante che ti devasta.
    Sto attenta a quello che faccio, purtroppo devo convivere con ciò che ho.
    Diciamo che non posso lamentarmi, la mia principale agonia era eliminare il dolore e, grazie alla cura del dott.re Pasqualetto di Mirano, (a volte mi capita di sbagliarmi e dico o scrivo Merano, ma è Mirano) sono rinata. La cura si basa su la scienza galenica.... Praticamente sono partita da Lucca e sono andata in Veneto da questo dottore, che, se non ho capito male anni fa, operava le ernie a Verona (? mi sembra), comunque mi ha visitata, è stato molto esauriente e dettagliato, bravo, per carità cose che all'incirca mi avevano già detto, però ci tenevo a dirlo perchè a volte trovi dottori che è meglio perderli che trovarli... dopo la visita mi ha dato la cura che consiste in un impacco/impasto di erbe, cataplasma, da irrorare con una soluzione alcolica, vino bianco, attivando così le proprietà delle erbe. Lui ti dice dove posizionarlo, nel mio caso, nei punti di dolore, L5S1 L4L5, gluteo e polpaccio, per 20/30 giorni, 20 minuti al dì.
    Io ero perplessa, però quando sei disperato provi tutto, e questo tutto mi ha fatto rinascere :-), già dalle prime applicazioni ho trovato beneficio, e adesso sono felice.
    L'unica cosa, è che lui ti da le erbe, e te a casa devi cucirti un guancialino grande circa un foglio A4, dove metterai il composto. Io ho chiamato giorni fa per farmelo inviare, e tenerlo in casa per precauzione :-). Non sono al top, ma io ho anche altri prob di salute...Questa cura c'è a chi fa e a chi non fa, è un'incognita, ma tentar non nuoce, e a me per adesso è stata l'unica cosa che mi ha tolto il DOLORE.
    Un saluto, a presto,
    Alessia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Salve come posso mettermi in contatto x avere queste erbe ho dolori alla sciatica fortissimi il mio indirizzo email simonemassimo65@libero.it

      Elimina
  11. Buondi` a tutte e tutti. A domanda rirsopndo: ebbene si, sono tantissime le persone che tornano a stare male dopo intervento di erniectomia. Tutti i giorni nella mia "cabina di regia" giungono le Voci di Ricerca che gli interessati usano per cercare info nel Web e piu` o meno sono queste: ancora dolore dopo intervento, sciatalgia post intervento, un mese dopo intervento peggio di prima....
    Sono tutte voci anonime. Ultimamente leggo anche: forte dolore dopo peridurale, dolore dopo ozonoterapia, eccetera.

    RispondiElimina
  12. Io le epidirali le ho bocciate! Se devo rischiare una lesione del nervo a sto punto rischio l intervento! Ma xke stanno male? Recidive? Complicanze? Debbi!!!!!! Ci sono!!!! :) x le staminali serve prima l intervento xke messa così non servirebbero a niente

    RispondiElimina
  13. Dunque, ho tirato un po' le somme.
    In base ai commenti arrivati in qs sito, tra le persone Gia` operate di ernia abbiamo letto:
    Carmen che periodicamente soffre di sciatalgia causa un intervento di stabilizz vertebrale non andato a buon fine;
    Faby Zam ed Emanuele P che soffrivano di sciatalgia presumibilmente a causa di cicatrici invadenti (chissa` se sono guariti e hanno individuato le cause certe).

    Poi abbiami letto i commenti di persone con sciatalgie non riconducibili ad ernie discali:
    Lo sportivissimo Gio` che si e` sentito meglio dopo la prima peridurale;
    Jack Action che aveva patito molto ma sevondo lui ka sciatalgia era causata dal muscolo piriforme rigido e voluminoso che strozzava nervo sciatico (infatti aveva trovato giovamento con iniezioni di Muscoril).

    Il 90% degli altri commenti erano/sono relativi ad ernie ed una piccola percentuale a vertebre non allineate anche csusa dischi consumati.

    Poi ci sono casi di scoliosi e duscopatie molto gravi e invalidanti.
    E tanti che ho cancellato, infatti nn ricitdo se Alessia sia anche ststa operata di ernia prima di recarsi a Mirano.
    Chiedo scusa a Coloro che qui ho dimenticato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao ragazze, eccomi!
      Ciao Anna , no! Il mio neurochirurgo Vitale Ravelli, bravo, ospedale di Pisa, Cisanello, per l'esattezza, non ha tolto le mie ernie, sono lì :-) .Come tutti i neurochirurghi ti fanno fare tot esercizi/manovre, per testare quanta forza è rimasta alla gamba, sensibilità ecc...e io purtroppo, ma paradossalmente per fortuna, reagivo "bene" perciò mi ha fatto fare la cura conservativa che consiste: Farrmaci, fisiokinesiterapia, che non ho mai fatto, perchè per farla non dovevo avere dolore... lyrica (che non ho mai preso)... diciamo che ho fatto un po' come "mi pareva", mi sono curata a modo mio...
      Per Ila, no, le ernie una volta espulse non rientrano più, è come il dentifricio...una volta fuori non lo rimetti dentro :-), si possono disidratare/calcificare, ma nessuno può dire in quanto tempo, mesi, anni...
      Per Ila e Debbi, la cura di Pasqualetto, per me, è stata incredibilmente MIRACOLOSA, non finirò mai di dirlo, agisce a ivello dell'infiammazione, neutralizzandola, elimina il dolore, e io volevo annientare proprio quello, che avevo FISSO e continuativo (a causa del dolore ho perso 8 kg).
      Io non ne potevo più, ,ero al capolinea, e dal giorno alla mattina ho deciso di andare, io mia madre, che anche lei fa la cura... mio padre e il mio compagno, una gita :-) .Ho provato anche questa, sarei andata anche a Honolulu
      La visita costa 50 euro e se lui ritiene di farti fare la cura 80, comunque se telefonate in clinica, come ho fatto io, vi danno tutte le spiegazioni. C'è una clinica dove puoi "soggiornare" e loro ti fanno fare una serie di cure, sempre con il loro impacco magico (così lo chiamo io :-) )... fatemi sapere.
      Buonanotte,
      Alessia.

      Elimina
  14. Debbi pinna come ti dicevo dice che prima della staminali che a nulla servono x l ernia ma sl x la discopatia e quindi x prevenirla un altra bisogna operare x togliere quella che già c e! Io avrei voluto che mi operasse lui e' veram in gamba ma credo che a breve Nn sia possibile. Ora sto prendendo dosi da cavallo di cortisone x fare il minimo indispens e ormai credo che andrò in un altra struttura dv hanno tempi meno lunghi potrebbero operarmi già a fine mese. In reparto sanno poco niente. Io credo in base alla esperienza personale e lavorativa che le ernie possano avere 2 evoluzioni: o nel giro di pochi mesi si assorbono ( alla RMN letteralmente spariscono, visto diverse volte con i miei occhi) o rimangono li con gli antinfiammatori il nervo un po' si sfiamma possono ridursi di qlc mm ma al primo azzardo riparte tt e mi dico: che vita e'?! Onestamente non penso abbia dignità una vita vissuta cn un ernia che Nn e' destinata all auto guarigione oltre ai danni dei continui farmaci. Una mia collega e' rimasta zoppa. Io ci ho provato Dp 5 mesi ogni attacco e' peggio di quello prima Nn ce la faccio piu. Non so perché certe guariscono e altre no ma e' cs ce poco da dire e fare. Certo ho una paura folle in particolare delle lesioni allO sciatico ma un ernia che tocca il nervo lasciata li x tanto lo lesionerebbe lo stesso. Mha ragazze e' un incubo non avrei mai voluto vivere sta cosa specie alla mia età

    RispondiElimina
  15. Debbi continuo a non capire come l ernia potesse poggiare sullo sciatico senza dare dolore! Be' cmq cammina cammina cammina!!!!! Piu cammini piu la tua schiena trova un nuovo equilibrio!

    RispondiElimina
  16. ciao a tutte/i sono nuova qui, ma ho già letto tutto con molto interesse. io ho avuto il mio primo attacco acuto di lombosciatalgia circa 4anni fa uscendo dalla doccia, un dolore lancinante come una scarica elettrica, un fulmine che da metà schiena mi si è scaricato sul tallone, una cosa mai provata, tanto che dal dolore sono svenuta. La guarigione è stata lenta e a base di riposo, antidolorifi e miorilassanti. Da quel giorno sono terrorizzata che mi possa ricapitare... anche se, in effetti, non ho fatto nulla per indagarne le cause! Questo perché dopo circa sei mesi sono rimasta incinta e non ho sofferto epr nulla di mal di schiena durante la gravidanza, per cui mi ero convinta che fosse stato un semplice episodio isolato. Purtroppo la smentita è arrivata! in quest'ultimo mese ho avvertito spesso dei fastidiosi doloretti fino a sabato scorso, quando uscita dallla doccia (di nuovo!) una fitta lancinante si è irradata dal fondo schiena fino al piede. Fortunatamente non è stata invalidante come la prima volta (ricordo che all'epoca dopo che mi ripresi dallo svenimento strisciai letteralmente a letto) ma con un dolore crescente in modo graduale. Ho inziato a prendere oki per via orale ma senza alcun giovamento, così da domenica sera ho inziato con le iniezioni di muscoril + voltaren che la volta prima erano state decisive per risolvere il quadro acuto dell'infiammazione. Premetto subito che in tutto ciò il mio medico di base è irreperibile, quindi temo di aver commesso errori nei dosaggi o nella conservazione dei farmaci (li ho messi in frigo la prima sera)... ho iniziato con mezza fiala di muscoril e mezza di voltaren nella stessa siringa a distanza di 12 h. Ieri sera dose doppia prima di dormire e stamani mi sento meno limitata nei movimenti ma il dolore persiste... adesso non so se continuare la terapia o pendere degli antiinfiammatori per via orale, viste le infinite controindicazioni del voltaren! Ma oltre ai farmaci che si può fare? intendo anche a scopo preventivo! @Debbi ho letto che fai pilates, io mi sono iscritta circa due settimane fa in una palestra dove fanno lezioni semi-individuali proprio per prevenire un altro attacco acuto di lombosciatalgia che già mi sembrava profilarsi... ma non vorrei aver peggiorato la situazione, in effetti, dopo che mi hanno vantato tutti i benefici del pilates, sono molto sorpresa che mi sia capitato. potrei esser stata causa del mio mal facendo qualche esercizio in modo scorretto? Un'ultima cosa da qualche parte ho letto che quando si ha l'infiammazione in corso è meglio non ricorrere ai massaggi, è vero? voi che ne pensate? Scusate se sono stata prolissa e noiosa, ma ho un sacco di domande e nessuno che sa di che parlo! Ah. ovviamente un consiglio sull'iter diagnostico da seguire: ortopedico e poi RX o RM? Grazie dell'attenzione, spero vivamente in un vostro suggerimento! :*

    RispondiElimina
  17. Cara Batz, vuoi un consiglio spassionato?! Non fare RMN! Sapere o non sapere di avere un ernia poco cambia anzi... Meglio non sapere! Tanto poco ci si può fare! La sostanza non cambia, cmq il mal di schiena fin che si fa sentire ti auto limita la terapia e' uguale che tu lo sappia o no! E forse non sapere fa affrontare la cosa con piu leggerezza e il male se ne va prima!

    RispondiElimina
  18. Ciao Badtz, ben arrivata nel blog di Anna, ciao Anna :-).
    Sono Alessia, ernia al disco l5s1, ernia l4l5 ,e grazie a questi due regalini ho avuto una sciatalgia per 14 mesi che mi ha debilitato e straziato, strisciavo in casa, e stavo a giornate seduta su una sedia.
    L'umile consiglio che posso darti io è, butta tutti i farmaci e prova ad andare dal medico che ha curato me, Pasqualetto Sandro e Sonia, a Mirano. Grazie a lui sono rinata, non sono al top, ma il dolore persistente che ti da il vomito e ti annienta la vita, (io ho perso 14 mesi), svanisce...e, improvvisamente tutto cambia colore :-) e ti riattivi.
    Io sono stata curata/seguita da uno squadrone di dottori BRAVI, fortunatamente, ma mai nessun miglioramento. Lui con la sua cura non invasiva, l'ho lasciato per ultimo, e adesso ti dico che dovevo metterlo per primo! Un saluto, Alessia.

    RispondiElimina
  19. Sera a tutte!
    Sera batz! Non voglio metterti in confusione ma non sono d'accordo con Ila. Io credo che sia meglio sapere per affrontare la cosa, qualunque sia, con il giusto metodo. che sia nuoto, pilates, osteopata, o lo stesso dott. Pasqualetto. Perché per esperienza personale so quanto ho peggiorato la cosa quando la mia l4-l5 si è svegliata e nel giro di 3 mesi è stato un tracollo. Aggravato forse da manipolazioni, pilates fatto male in una palestra qualunque, nuoto, tecar, farmaci a mai finire. La mia era un'ernia enorme silente da anni, magari non sarà il tuo caso ma se avessi fatto una risonanza prima mi sarei risparmiata un sacco di sofferenze, di notti insonni, di pensieri malsani e di "che cavolo mi sta succedendo".
    P.S. consiglio spassionato. non fare nulla finchè non sai qual è la causa della sofferenza, idem per il pilates che fra l'altro, quando ci sono problemi alla colonna, deve essere fatto individualmente e non in palestra dove non puoi essere seguita passo passo ed in maniera specifica. Io stessa lo sto facendo ma forse mollando perché, seppur seguita individualmente e con tutti i crismi, mi faccio male, quindi opterò per altra opzione visto che dopo l'intervento devo fare attività per rinforzare i muscoli che ormai sno come il burro :)
    Facci sapere, scusa se sono stata allarmista ma so di persone che la prendono in tempo e ogni tot scivolano ma si mantengono bene.
    Ila che novità ci dai?
    e tu Anna? alessia anche se hai fatto il giro largo l'importante è che tu adesso stia benino. meglio tardi che mai.
    Un abbraccio a tutte.

    RispondiElimina
  20. Ciao Debbi, stamattina mi sono alzata sbilanciata e ora sono in piena sindrome delle forbici arrugginite, cioe` la gambe non collaborano, sono bloccate all osso sacro. Ho la tremarella, ho preso Aspirina e dopo applico ghiaccio.
    Badtz ecco il mio consiglio: non permettere a nessuno di farti arrabbiare, stai lontana dai folli e manda a stendere chiunque osi rovinarti la giornata!
    Un saluto a tutta l`allegra brigata!

    RispondiElimina
  21. ciao a tutte! grazie davvero non sapevo di aver suscitato tanto interesse, mi date tanto conforto e siete davvero una grande fonte di informazione! Scusate se non mi faccio viva tanto spesso, mi sa che un po' mi sento in colpa a lamentarmi quando leggo ciò che avete passato e state passando voi. Mi dispiace tanto legger di Anna e di tutte voi, e davvero la mia lombosciatalgia sembra poca cosa. scusatemi ma è chiaro ch io non sono abituata a parlarne, in effetti sono abituata a sopportare senza lamentarmi e infatti continuo a fare ciò che facevo prima nonostante poi il dolore peggiori. Non vogliatemene e sp. non volermene Ila ma concordo appieno con Debbie: io preferisco sapere, anche se poi la sostanza non cambia. Forse sono io, ma credo di avere un problema con gli altri, le persone che ho attorno non capiscono e si aspettano cmq molto da me. Per quanto riguarda il Pilates, stai tranquilla Debbi non sono andata in una palestra qualsiasi, faccio delle lezioni individuali o semi-individuali (2 o massimo3 persone), il problema secondo me è che cambio sempre gli istruttori (ognuno di loro "in teoria" dovrebbe leggere la mia scheda personalizzata e sapere tutto di me), ma credo che l'ultima volta mi abbiano fatto lavorare troppo sulla schiena con cruch o come diavolo si chiamano. ecco, ho trovato una foto ecco gli esercizi che mi hanno fatto fare sono proprio quelli con scritto NO se si soffre di lombalgia: http://www.my-personaltrainer.it/ADDOMINALI%20LOMBALGIA.jpg uff! lo sapevo che faccio bene ad arrabbiarmi visto che pago per lezioni personalizzate! mmm... in effetti se faccio bene ad arrabbiarmi proprio non so, ed ecco un altro punto dolente che avete toccato. immaginavo che il probelma potesse anche avere origine dallo stress e il nervoso perché in questo ultimo mese, purtroppo, ne ho davvero accumulato molto... e i risultati si vedono! Per quanto riguarda Pasqualetto e la sua cura, grazie Alessia del consiglio sono davvero impressionata, ma per ora credo che la miglior cura per me sia come dice Anna: "non permettere a nessuno di farti arrabbiare, stai lontana dai folli e manda a stendere chiunque osi rovinarti la giornata!" è un gran bel consiglio e cercherò di seguirlo! un bacio a tutti/e voi

    RispondiElimina
  22. Ciao Badt, ho visto le immagini degli esercizi, ma quello e` pilates? Non so cosa sia sto pilates...
    Ma non vanno bene per chi ha la sciatica. Il nervo e i dischi non sono muscoli da tonificare, anzi ogni spinta puo` essere fatale (ma ancora piu` pericolose sono le torsioni improvvise).
    Un po` incoscenti certi istruttori...
    Non tutto il male viene x nuocere, e` un campo pieno di quaqquaraqua`, prossima volta capisci meglio chi hai davanti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Anna, le foto sono di esercizi generici per tonificare gli addominali. nel mio caso in una seduta li ho fatti tutti senza eccezioni! con l'ausilio di corde e molle per rendere il tutto ancor più difficoltoso. La mia schiena ancora ringrazia! Non metto in dubbio la professionalità degli istruttori, dico solo che magari non sapevano che nel mio caso certi esercizi non erano proprio indicati... ma ti assicuro che indagherò! Per rispondere alla tua domanda ti posto la risposta della palestra in cui vado: Pilates è una ginnastica personalizzata che attraverso un insieme di esercizi specializzati ottiene, rapidamente e senza traumi, il potenziamento e la tonificazione muscolare, restituendo una postura corretta.
      Il nome del metodo deriva da quello del suo stesso creatore, il tedesco Joseph Hubertus Pilates, che così ne sintetizzava la filosofia: “Sviluppa il corpo in modo equilibrato, corregge le posture sbagliate, rinvigorisce il fisico e la mente, ed eleva lo spirito”.
      Un’altra frase celebre attribuita a J.H. Pilates afferma che: “Non è tanto importante quello che fai, ma come lo fai”. Concetto chiave, questo, per comprendere il significato fondamentale dei principi tradizionali sui quali tale disciplina si fonda. Tra questi: la concentrazione, il controllo, la respirazione.
      Se la maggior parte delle attività sportive perseguono infatti un obiettivo atletico esterno (come ad esempio un punteggio, un giudizio, un record), il Pilates rappresenta innanzitutto un lavoro, una sfida con se stessi e i propri limiti, qualunque essi siano.
      Il vero obiettivo non sarà quindi quello di vincere una gara ma piuttosto quello di aumentare la propria coscienza corporea, (...)
      L’obiettivo sarà soprattutto quello di incrementare il proprio livello di benessere nella vita quotidiana. (...)
      Il Pilates è oggi uno dei metodi più efficaci nella riabilitazione posturale e nella prevenzione del mal di schiena. È inoltre uno dei metodi d'allenamento più innovativi e più diffusi tra gli sportivi, oltre che uno dei metodi più efficaci per chi cerca la forma fisica tramite la cura del proprio corpo.

      Insomma sulla carta sembra perfetto. Ma perché io sono peggiorata subito dopo le prime 4 sedute? :(

      Elimina
  23. Eureka! Finalmente ho capito e mi vantero` di sapere cosa sia il Pilates! Grazie!
    Mi spiace tu stia male... Non hanno lavorato bene su di te. Ma potrebbe anche essere colpa di Saturno se sei Acquario Leone Toro.
    A parte gli scherzi questa brutta situazione e` l'antipasto di cio` che potresti trovare nel tuo percorso. Spero di no.
    La schiena non e` una scienza esatta ma tutti credono di aver capito tutto cosi` ci si ritrova nelle mani di dottori e terapisti che combinano disastri. Sicuramente in buona fede (...) ma che rabbia santo cielo!
    E fu cosi` che la Bellini dovette chiudere il blog...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. XD speriamo di no! Grazie ma comunque adesso a distanza di una diecina di giorni e tanti punturoni sto decisamente meglio. E quando riesco a riposare mi sento davvero bene. Mercoledì vado per la RX poi, con calma, ricomincerò con il pilates, facendo molta ma molta attenzione. Se vuoi provare anche tu, leggi le guide che trovi qui, sono davvero ben fatte. http://www.amicafisioterapista.it/mal-di-schiena/mal-di-schiena-pilates/ quella sulla respirazione mi ha fatto capire tutto: magari ho fatto anche degli esercizi non adatti ma soprattutto ho sbagliato la respirazione... uff. non è affatto facile respirare bene! :P
      tu come stai?

      Elimina
  24. Ciao, io bene e tu?
    Ieri ho riletto tutti i commenti e a prposito di Ila, uno dei suoi mi ha risvegliato da un lungo letargo.
    Quando ha scritto "dove c'e` una ernia c`e` instabilita` vertebrale" secondo me aveva ragione. Difatti io ho sempre la schiena che scricchiola e sovente sono vuttima di CDS.
    Oggi mi sembra di aver capito tutto...
    Ps. Il CDS vuol dire Colpo Della Strega.

    RispondiElimina
  25. Ciao a tutte!
    Andate da Pasqualetto...e resterete sbalordite dai risultati, non state con il dolore addosso...il dolore diffonde tossine cattive in tutto il corpo... Io ho ordinato il guancialino, l'impacco, ed è arrivatooooo, EVVIVAAAAA! Cinque mesi fa non camminavo più, e quella cura così semplice mi ha rimesso in piedi! Un saluto, Alessia.

    RispondiElimina
  26. Ciao ragazze, ho fatto i RX alla zona lombosacrale e ovviamente non risulta niente. intanto a me il dolore non è ancora del tutto passato, a volte si riacutizza se come stanotte devo alzarmi spesso e prender in collo per riaddormentarlo mio figlio di 15 Kg! sono depressa e avvilita. adesso aspetto i risultati delle analisi del sangue poi andrò dal dottore e mi farò fare un'impegnativa per una TAC o una RM. sono davvero a terra. scusate se non mi faccio sentire tanto, non sono dell'umore. cmq vi continuo a pensare e leggere con piacere. abbiate cura di voi! un abbraccio

    RispondiElimina
  27. Cara Anna,
    complimenti per il tuo blog.
    Per le informazioni che dai, ma soprattutto perchè fa capire a ch si trova immobilizzato - o quasi - da un po' che il male è comune, che non siamo noi ad essere delle piattole, ma che questo tipo di dolore è una cosa seria, e che prima o poi dovremmo riuscire a tornare ad avere una vita normale!
    Io sono Raffaella, 46 anni, dopo uno strappo ad una coscia, a fine maggio di quest'anno, che mi costringeva a torsioni sicuramente non salutari anche solo per allacciarmi i sandali, verso l'inizio di agosto ho iniziato ad avvertire formicolio al piede sinistro. Stavo già andando dal fisioterapista, che, dopo aver trattato lo strappo - con successo, devo dire - ha iniziato a trattarmi la schiena, per allontanare le vertebre. Peccato che il formicolio nel frattempo era diventato dolore, soprattutto a guidare e a stare seduta.
    Ho continuato a muovermi, sono andata in vacanza (e ho fatto immersioni, notoriamente attività non proprio leggera...ma io in immersione non avvertivo nessun dolore!) e poi, una volta tornata, sono andata anche da un osteopata consigliato da un'amica. Intanto il dolore diventava più pesante da sopportare, ed ogni tanto un ibuprofene ci stava.
    Poi, alla seconda seduta, l'osteopata mi dice che deve imparare a lasciare andare le cose, ad accettarle, e che il mio corpo si sta ribellando facendomi capire che ho delle cose irrisolte da accettare o da cambiare!
    La cosa giusta da dire ad una persona che fino a 3 mesi prima andava in palestra 4 volte alla settimana, davvero!
    Quella sera sono arrivata a casa così arrabbiata che ho fatto sforzi che non avrei dovuto fare....risultato, da due giorni dopo a casa dal lavoro con dolori sciatici (a me prende in particolare il gluteo) da urlare!
    Ora sono passate 5 settimane, ho fatto un'infiltrazione intradiscale di ozono/ossigeno, e devo dire che il dolore è migliorato, ho ridotto di circa 2/3 il Contramal, che fortunatamente riesce a darmi sollievo, ma la settimana prossima ho prenotato un'altro ozono, per vedere se migliora ancora un po'.
    Nel frattempo mi sono trasferita a casa dei miei (vivo sola), perchè non si fidavano a lasciarmi in balia di me stessa (per la nausea dovuta alle dosi massicce di contramal ho perso 4 kg in 10 giorni), ma sono abbastanza autosufficiente...a parte che passo sdraiata la maggior parte del tempo!
    Oggi, presa dallo sconforto, ho trovato il tuo blog, e leggere che purtroppo tutti stiamo passando la stessa agonia soprattutto psicologica, perchè gli altri non possono capire, in qualche modo mi dà conforto. Come dicevo, mi aiuta a capire che non sono io ad essere un'ameba inetta, ma è la patologia che ti riduce così, e purtroppo più eri attivo prima e peggio ti senti durante!

    Ma non c'è nessun altro che ha fatto ozonoterapia? Ho sentito di tanti che ne hanno trovato giovamento, e visto che l'effetto è proprio quello di disidratare l'ernia, non vedo perchè bisogna aspettare che lo facca spontaneamente! La mia ernia era molto grossa, per cui un trattamento non è stato sufficiente, ma anche solo poter diminuire l'antidolorifico assicuro che è stato un bel traguardo!

    Un abbraccio a tutti i compagni di sventura
    Raffaella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Raffy, mi e` quasi sembrato di leggere la mia storia, 46 anni, l'osteopata filosofo consigliato dall amica... le nausee del contramal...
      Un abbraccio anche a te!
      Debbi scusa se ti ho scavalcato.

      Elimina
    2. Ecco, vedi perchè mi sento meno sola!?
      Il contramal mi dà ancora fastidio, ma per ora lo prendo ancora, anche se molto di meno, sto tamponando con del semplice riopan, che mi aiuta a non sentire il saporaccio e tampona anche il rivoltamento di stomaco quando lo inghiotto!
      Al controllo della settimana scorsa abbiamo fissato una seconda infiltrazione, alla fine di questa settimana, di ozono, visto che una ha fatto, ma non è bastata. Se anche questa non è sufficiente, si penserà all'operazione.
      Ma, a sto punto, qualsiasi cosa pur di ricominciare una vita pseudonormale!!!
      Vi tengo informati....
      Abbraccione!
      Raffaella

      Elimina
    3. ciao! come è andata la tua esperienza con l'ozonoterapia? ha risolto? fanno male le infiltrazioni? vorrei farla anche io per ernia espulsa l5 s1. grazieee

      Elimina
  28. Ciao Raffaella ma l'ernia chi l'ha diagnosticata (rmn???), e da quanto. poi altra cosa, quando scrivi all'inizio della fisioterapista che ti trattava la schiena, per allontanare le vertebre, cosa intendi. che faceva.
    ti abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Debbi.
      Alla fine (solo circa 5 settimane fa) mi sono decisa a fare una TAC, dove si è vista chiaramente un'ernia di qualche cm L5-S1, che premeva verso sinistra. Ozonoterapia dopo una settimana, e ora una seconda infiltrazione, sperando che regredisca ancora di più.

      Il fisio, dopo avermi curato lo strappo alla gamba, ha iniziato con massaggi sulla colonna, abbastanza delicati, fatti in modo da aumentare la distanza fra le vertebre e la loro mobilità, per limitare la pressione (non sapevo ancora che fosse ernia, pensavo delle "semplici" protrusioni). All'inizio mi davano anche sollievo, poi invece hanno iniziato ad infastidirmi, probabilmente perchè il versamento erniale si stava ingrandendo.
      Tu sei ancora sotto cura, o hai già superato il tunnel (scusa ma anche rileggendoti non mi è proprio chiaro!)?
      Abbraccio forte!

      Elimina
    2. ciao..puoi parlarmi di più della tua esperienza con l'ozonoterapia? sei riuscita a risolvere? fà male? vorrei farla anche io ma ho paura che mi provoci dolore e che sia dannosa. Grazieeee :)))

      Elimina
  29. Ciao ragazze! Ho avuto un periodaccio di depressione e sconforto. Anna ho un informaz da darti. Da giorni sn in contatto con un medico eccezion di Torino di una professionalità ed umanità rare e' di Torino secondo me tu che ce l hai li vicino non dovresti perdere l occasione di chiedergli un consiglio. Cerca in internet studio SATA poi se vuoi anche via fb ti do il suo cell personale o mail. Credimi Anna lui e' diverso! Fammi sapere! Vi abbraccio tutte

    RispondiElimina
  30. X Debbi: anche x la tua sciatalgia può avere delle soluzioni e' uno dei massimi esperti del dolore neurologico! Pero' e' lontano!

    RispondiElimina
  31. grazie Debbi, grazie a tutte per esserci e per il conforto che mi date leggendovi. sono un po' abbattuta, sì la situazione non è rosea, familiari che non capiscono e il mio dottore che limita allo stretto indispensabile gli esami da fare. La RMN non me la segna. Dai RX risultava una leggera spondiloartrosi e vai giù tutti a dirmi che devo fare ginnastica, nuoto, ed ogni genere di movimento, come se non ne facessi già abbastanza con un bimbo piccolo di moto... pensano che sono pigra e oziosa, nessuno capisce che l'unica cosa che mi fa star bene è il riposo! e cmq sto riprendendo con il pilates, o meglio ho ripreso la scorsa settimana, (per ora solo un incontro a settimana), ho fatto una lezione individuale, per spiegare bene la situazione e farmi seguire come si deve e finalmente ho avuto la fortuna di trovare un istruttore come si deve, e che mi sembra riesca a comprendere bene la situazione anche perché ne ha sofferto pure lui! gli hanno diagnosticato un'ernia intorno alla L5, non ho approfondito molto, ma dice che da due anni non ha più avuto attacchi di sciatalgia grazie al pilates... non lo so, sarà mica una trovata pubblicitaria? mi hanno mandato il bellone omnicomprensivo per incentivarmi a continuare e diffondere il verbo? mmm....

    RispondiElimina
  32. Ciao a tutte e scusate l'assenza ma non sempre ho voglia di parlare di ernia e dolore...devo sentirmi ispirata, però vi leggo.
    Raffaella io sono in cura con fisioterapista, già operata 2 volte, una per ernia, la seconda per una complicanza postuma. tu stai proseguendo le infiltrazioni? ho letto che per alcuni è un grande sollievo per altri acqua fresca, spero tu appartenga alla prima categoria.
    badtz se il pilates ti da sollievo bene, ma la rm falla!!!! anche il mio medico mi diceva "ma noooooo, che la fai a fare, non c'è bisogno" lo stronzo aveva la suocera in casa visto che la moglie ha avuto un'ernia da operare con conseguente recidiva....vedi tu che genio!!! cmq sia, falla davvero, se puoi permettertela la fai a pagamento così non hai bisogno di prescrizione. spero che comunque davvero tu stia un po' meglio, il tuo istruttore non dice boiate ma ci vuole tempo e pazienza, molta pazienza, e poi dipende da cos'hai. anna ha ragione, oltre al qualunquismo c'è molta speculazione sul dolore. ma questo non deve sconfortarci, non voglio che sia così...per me in primis che, come ila, ho avuto un periodaccio a livello psicologico.
    adesso ho momenti si e altri meno. soprattutto il 16 ho l'elettromografia e non so se farla o meno. l'ho già fatta ad agosto, è negativa per fortuna, ma la fisiatra per fugare ogni dubbio non essendoci nulla a livello diagnostico che giustifichi il dolore vorrebbe che la rifacessi....io davvero non so se sottopormi a sto stress, non tanto per il fastidio dell'esame, ma quanto per lo stress appunto che comporta. che faccio?????
    anna tu come stai invece? il freddo non aiuta poi.
    ila l'ho beccata su fb.
    vi abbraccio forte, ma piano :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao, Debbie.
      Io ho fatto la seconda infiltrazione a distanza di un mese. La gamba un po' rogna ancora, il contramal lo sto diminuendo a poco a poco, e ho iniziato a camminare e a fare movimenti da stesa a terra con le gambe per la circolazione, dato che il freddo non aiuta. Il fisioterapista credo che non mi vedrà mai più, oramai ho capito che se solo lui mi avesse avvertita, quando gli ho raccontato i primi sintomi della sciatalgia, invece di insistere a cercare di fare tutto da solo, non avrei perso mesi della mia vita ridotta ad una larva!
      Invece mi dicono che la chiropratica aiuta moltissimo, è lenta, soprattutto se il danno non è lieve, ma se praticata da qualcuno in gamba ti ridà la gioia di vivere. Bisogna informarsi bene, ma i chiropratici devono iscriversi ad un albo nazionale riconosciuto dalla medicina, e non praticare e basta.
      Quanto a TAC o a RM, consiglio anche io di farle, sempre; se ai primi sintomi avessi fatto l'esame (che peraltro è una cavolata...se il tubo dell'RM inquieta o fa venire la claustrofobia, fate le TAC, che si vede lo stesso) avrei saputo subito cosa avev e mi sarei comportata di conseguenza! Con i se e i ma non si fa nulla, ma mi sento almeno di dare consigli!!
      Ragazze, vi abbraccio forte (ma piano) e vi dico di essere forti, e di cercare la propria cura...purtroppo mi rendo conto che non per tutti funzionano le stesse cose nello stesso modo!

      Elimina
  33. Eh si` , almeno una risonanza bisogna farla, privatamente senza impegnativa se il medico di base nn e` propositivo.

    Io sto abbastanza, sempre sul chivala`...
    Ho scoperto che gli integratori a base di glucosamina e condroitina ci sono anche al supermercato, tra le vitamine e compagnia bella. Li sto provando, era da tanto che ci pensavo, ma nn sapevodove trovarli.
    Ce li ho sempre avuti davanti agli occhi... Ciao Debbi, io col freddo sto meglio, mi "ricompongo".

    RispondiElimina
  34. io mi irrigidisco madò!!!!
    ci hai fatto un pensierino sul medico che ti ha indicato ila?
    io combattuta emg si emg no

    RispondiElimina
  35. Due anni fã sono stata operata di ernia al disco a fine ottobre mi é ritornato dolore lancinante gamba sinistra sono due mesi Che combatto tra bentelan oki kolibri tekar ionoforesi ecc domani inizio cura con Deflan altro cortisone,non ne posso mi hanno consigliato pasqualetto é lê sue cure miracolose gli Ho inviato ris magnética vediamo Che mi risponde...non voglio rioperarmi .....l' ernia e molto grossa epulsa e poggia sulla radice nervosa mi Sá Che non vá via .Che fare? Aiutoooooo

    RispondiElimina
  36. Sono âncora io devo precisare Che dopo k mi hanno operata Ho preso circa 25 k e non riesco a dimagrire il mil neurologo vuole cercare di evitare un ulteriore operazione má il dolore é forte non ne posso piu e stando immobile e con tutto questo cortisone mi gonfio sempre piu ....Lia

    RispondiElimina
  37. Grazie del consiglio domani compro lá pomata .....paqualetto non mi ha ancora risposto......con il deflan va un po meglio, oggi dopo 2 mesi e mezzo sono riuscita a fare um pó di shopping mi sembra un sogno strare in piedi senza appoggiarmi in continuazione speriamo Che la situazione migliori e Che non siano i soliti alti e bassi e finito l'effetto del farmaco sia tutto punto e daccapo intanto mi sono coricata e speriamo Che domani mi possa alzare, i dolori sono piu lievi má ci sono sempre....notte e auguri anche a te di un buon anno ....lia

    RispondiElimina
  38. Ma e` favoloso questo Deflan, grazie per la segnalazione! Buona domenica.

    RispondiElimina
  39. Appena alzata stavo male, COME OGNI MATTINA, poi fatta colazione e ripreso deflan sono uscita per una breve passeggiatina con mio marito e mio figlio....ora ancora sono in piedi leggero formicolio alla gamba e dolorini ma il tutto sopportabile....ho fatto 3 giorni deflan cpr da 30 mg mattina e sera, domani 1 cpr da30 mg 1 volta ad dì e dopodomani 1cpr al dì, chissà cosa succederà....tremo al pensierodi cosa può accadermi... intanto incrocio le dita...può darsi che sia anche giunto alla fine il decorso acuto del dolore e ora sia nella fase meno acuta...sono scettica molto scettica, domani dovrei fare la quarta seduta di tecar e sono indecisa se farla perchè ogni volta mi sono sottoposta a questa terapia soffrivo tanto, può darsi che il fisioterapista schiacciava troppo dove non doveva pigiando il nervo.....mah! non so che fare che mi consigli? quanto può durare il dolore acuto se si ha la fortuna che l'ernia regredisca un pochino....per quanto riguarda la pomata ho trovato calmadol all'arnica e artigli del diavolo, domani mi porterà Ematonin plus....ciao a presto

    RispondiElimina
  40. Non ho mai fatto la tecar terapia, nn so neanche cosa sia ma in questo sito nessuno ha mai scritto una parola in suo favore... e di commenti ce ne sono stati tanti. Tecar ed elettrostimolazione nn hanno trovato consensi. Purtroppo.

    RispondiElimina
  41. Io ho una tremenda sciatalgia. Addirittura sono arrivato a ontrollare il dolore com Oramorph. Ho trovato sollievo anche con Orudis 200 mg. Chiropratico? per me è stato un grandioso insuccesso.
    Saluti a tutti
    GiGi

    RispondiElimina
  42. Da Bellini a Bellini...dico anche io la mia in breve, non ho visto nessun consiglio su un rimedio omeopatico d emergenza per il trauma che alcune sciatalgie possono provocare. Arnica 30 CH in granuli è il minimo che si dovrebbe avere in casa per le emergenze di grandi dolori traumatici, per il resto solo il medico omeopata può decidere sul da farsi 😉

    RispondiElimina
  43. Ciao Anna, ho individuato Luciano L., ma purtroppo non riesco a lasciargli nessun messaggio. Avrei bisogno di parlare con lui in privato. Gradirei parlare anche con te in privato, per chiederti varie info. Potresti aiutarmi? Grazie mille per la disponibilità.

    RispondiElimina
  44. Ciao a tutti il mio calvario è iniziato a novembre alla gamba destra dolore che parte dalla schiena è arriva fino all'alluce. A gennaio faccio le RX lombosacrale e riscontro uno schiaccamento L5-S1. Provo di tutto di più punture di voltaren e muscoril, punture di cortisone con dobetin (vitamine), osteopata, massaggi... ma niente. Ora sto facendo l'ozono terepia le prima 5 sedute vanno bene e riscontro dei leggeri migliormanti...oggi invece mio sento bloccato. Il dottore dice che è normale avere delle ricadute e mi consiglia di prendere l'oki... ma il dolore non passa. Consigli?? Grazie

    RispondiElimina
  45. Ciao a tutti... sono Aaa e dopo quasi un anno vi scrivo di nuovo per l'ennesima ricaduta. Ricapitolando: l'estate scorsa è andata da dio (ho fatto anche un viaggio avventuroso senza problemi) a settembre riprendo palestra ma a novembre grave ricaduta (complice un doloroso lutto in famiglia e lo sforzo fisico ad esso collegato), faccio rmn e mi esce la solita ernia l3/l4 (ora estrusa) , disco l4/l5 ampiamente protruso con microerniazione a sx(completamente asintomatica!) e infine protrusione ad ampio raggio su l5/s1 con abolizione clivaggio adiposo): toradol inefficace, risolvo con soldesam fiale e gocce e riposo. A gennaio riprendo palestra, forse esagerando com squat e glutei ma molto leggeri (sono una sportiva e chi lo è può capire la felicità spesso incosciente che si prova quando si sta di nuovo bene)... nel frattempo faccio 5 tecar e inizio Mezieres. Sorpresa: domenica scorsA apro un cassetto (senza nemmeno abbassarmi) e arriva scossa elettrica terrificante. Mi fermo un attimo e sembra non sia nulla ma piano piano, nell'arco di 2 gg, vado a peggiorare fino a martedì quando rimango letteralmente paralizzata dal dolore a lavoro, lontana 500 km da casa. Piango tutto il giorno ma sono costretta ad andare in ufficio, e con la scusa inizio punture bentelan all ambulatorio del mio ministero... esito da 3 gg, con arcoxia e efferalgan, quasi zero. Stamane sono passata a soldesam fiale, visto che l'altra volta era stato efficace, e ieri ho fatto nuova rmn (piangendo dal dolore data la posizione supina) che porterò alla mia prima visita neurochirurgica venerdi prox all humanitas (finora ero in cura da fisiatra). Vado lì perché so che praticano discolisi con ozono.. mi sembra l ultima spiaggia x evitare l operazione che tutti mi sconsigliano.. ma io rivoglio la mia vita! Sono anche una ballerina amatoriale e da un anno non faccio nulla per il timore di bloccarmi, ma sto andando in lenta depressione e non voglio! Qualcuno può parlarmi dell ozono (sia intramuscolare che infradiscale) o di questa radiofrequenza??? Grazie di cuore!

    RispondiElimina